Apologia di fascismo ad oltre 70 anni dalla fine del fascismo. Denunciato commerciante di Modica.

LA FOTO DI MUSSOLINI IN UN BAR DI MODICA, L’ASSOCIAZIONE RAGUSA IN MOVIMENTO OFFRE PATROCINIO LEGALE GRATUITO AL TITOLARE DELL’ATTIVITA’ COMMERCIALE CHE HA SUBITO  LA DENUNCIA L’associazione Ragusa in Movimento ha deciso di offrire patrocinio legale gratuito al titolare del bar Fucsia di Modica che è stato denunciato per apologia del fascismo per avere esposto una foto del duce contrassegnata da un aforisma. L’associazione è pronta a mettere a disposizione del titolare del bar i servigi professionali dell’avvocato Michele Savarese. Amaro, per quanto accaduto, il commento del presidente dell’associazione, Mario Chiavola. “Cosa non fare – dice – per suscitare un facile applauso e per qualche like in più sui social anche se chi ci va di mezzo è un umile commerciante nella cui azienda lavorano circa 10 famiglie modicane. L’atteggiamento della studentessa, aspirante giornalista (da adesso con la carriera assicurata), scandalizzata da una foto del duce esposta in un bar di Modica, è la cartina tornasole di una società falsa e perbenista. In un contesto in cui la maggior parte della gente non arriva a fine mese, ci si indigna per un’immagine con aforisma appesa al muro e per lo spauracchio del ritorno del fascismo, ormai morto e sepolto da oltre 70 anni. Riteniamo, tra l’altro, che sia proprio per questo motivo che la sinistra italiana risulti essere ormai alla frutta perché si occupa soltanto di fascismo, immigrazione e unioni civili. Ai pensionati, ai disoccupati, a chi non arriva a fine mese non ci pensa più e tutte queste persone non si sentono rappresentate da chi crede ancora oggi che il fascismo, ripetiamo morto e sepolto, possa ritornare. Lo specchietto delle allodole dell’antifascismo è tra l’altro utilizzato come scusa per cercare di contenere lo strapotere elettorale di Salvini che, invece, ha saputo oggi intercettare il disagio e creare un consenso che risulta essere sempre più in crescita”.
Facebook Comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *