Il 3 marzo tutti a Roma

Tutelare Roma, intesa come città e come luogo della politica nazionale, sede del Parlamento, esautorato e svuotato delle sue funzioni da un governo tecnico che nessuno ha votato, e che spadroneggia arrogante sui cittadini. Non ultima, la questione Olimpiadi: un esecutivo pro tempore, che nessuno ha scelto, si arroga il diritto di dire no a un evento di questa portata, e addirittura irride la politica e la Capitale dicendo che ne apprezzava le linee del progetto e lo spirito, e che addirittura pensa allo sviluppo del Paese… Meno male, ci verrebbe da dire! Non possiamo tollerare questi continui colpi inferti alla dignità dei cittadini e della Capitale: qualcuno si è chiesto con quale danno di immagine esce Roma da questo diniego? La città ne esce mortificata nell’animo, e questo non lo possiamo permettere, noi che amiamo la Capitale.
Ecco perché l’invito a scendere con noi in piazza il prossimo 3 marzo, per riprenderci la sovranità popolare, quella che è stata tolta agli italiani da un esecutivo delle banche, creando un vuoto di democrazia.
Roma, poché sede della vita politica nazionale, sente e risente più delle altre città delle azioni della politica, e a queste reagisce per prima. Non a caso, tra il 2011 e il 2012 diversi esponenti locali hanno deciso di passare a La Destra: dai Municipi al Campidoglio il nostro movimento si sta rafforzando, aumentando la propria rappresentanza nelle istituzioni: oggi contiamo 5 consiglieri municipali e 3 in Assemblea Capitolina. Nuove adesioni, e ce ne saranno altre, che danno soddisfazione e forniscono la misura di quale sia il reale sentimento della città: non c’è una forza politica di destra, al di là della nostra, con coerenza tra ciò che dice e ciò che fa. Un segnale forte ed evidente di delusione verso la maggioranza del Campidoglio che dovrebbe far riflettere il sindaco Alemanno.
Quel sabato 3 marzo chiederemo al Pdl di staccare la spina al governo Monti: sarebbe intollerabile sapere di dover sopportare ancora per un anno le ostilità dei “banchieri”, che non accettano critiche e si risentono se leggono due righe contrarie sul giornale.
A Roma saremo migliaia a sfilare, di ogni categoria e ceto sociale, perché questo sentimento di vessazione che si prova è trasversale, le tasse stanno gettando sul lastrico migliaia di persone in tutto il Paese, l’incertezza per il futuro è generalizzata, e siamo stanchi di ascoltare i diktat franco-tedeschi di un’Europa che non ci piace.
Quel 3 marzo da piazza Esedra a piazza Bocca della Verità ci sarà un fiume di gente che attraverserà la Capitale per far sentire le proprie ragioni. Col tricolore in mano.

Facebook Comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *